Valutazione in Casa dell'Appoggio del Piede

Per la valutazione dell’appoggio   esistono vari metodi, alcuni scientifici ed altri empirici. Fra questi ultimi vanno ricordati:
1) L’esame del consumo del battistrada;
2) ll Test del piede bagnato sulla carta assorbente.

 

ESAME DEL BATTISTRADA

Dal consumo del battistrada (o suola) delle nostre vecchie scarpe possiamo aiutarci a capire che appoggio assumiamo durante la corsa. Prima di cominciare a valutare la geometria della suola della nostra scarpa assicuriamoci che con quest’ultima abbiamo fatto minimo 300 Km, altrimenti non sarà idonea per la valutazione.

  • Consumo della punta: il consumo delle scarpe in corrispondenza delle dita dei piedi, dell’avampiede e talvolta del tallone è abbastanza comune fra i runners iperpronatori o che portano i piedi verso l’interno quando vengono a contatto col terreno.
  • Consumo dei bordi: il battistrada consumato lungo i bordi laterali esterni anteriori è comune tra i supinatori che tendono a scaricare il peso sulla parte esterna del proprio piede.
  • Consumo del tallone: un consumo eccessivo esteso a tutta la zona tallonare è spesso il segnale di avvertimento per quei runners che allungano troppo la falcata e impattano il terreno, soprattutto col tallone.

 

TEST DEL PIEDE BAGNATO

Fare il test è molto semplice: per  prima cosa stampate l’immagine all’ultima pagina, successivamente bagnare il proprio piede destro in una bacinella con un po’ di acqua. Appoggiare il piede sul foglio, sulla parte colorata. L’acqua lascerà un’ impronta che potete confrontare con le 3 immagini. In base alla corrispondenza, riuscirete a scoprire se il vostro appoggio è neutro, supinato o pronato.   Questi diversi tipi di appoggio richiedono scarpe diverse per evitare di creare spiacevoli traumi.

 

1 Prono, 2 Neutro, 3 Supinato